A minare i bivi

Poi seduti accanto in un’osteria, bevendo un brodo caldo che bollìa” (Luce dell’Est, Battisti)

C’è un gustosissimo articolo di Luca Sofri, che ogni tanto vado a ricercare e rileggere: quella tua maglietta Fila. Chi gioca con le parole merita sempre il dovuto rispetto. Facile che ognuno di voi abbia versioni nascoste dei testi della canzoni più famose, oppure conosciute solo da voi. Non importa se avere canzoni mainstream o meno in testa. Questo articolo del 2003 vi ci farà pensare e sorridere. Mi ricordo pure di averlo commentato, l’articolo, perchè in esso si faceva riferimento a “Nessun dolore” di Battisti, di cui ho una mia personale versione.

Sì, perchè secondo Battisti, ad un certo punto di questo fantastico groove (sentite anche solo l’intro che pompa!) dice questo:

“tutte le occhiate maliziose che davi
eran seni sparsi al vento
qualcosa che perdevi
a minare i bivi! A minare i bivi!! A minare i bivi!!!”

 

 

Tutto qua. Buon weekend. Noi andremo a minare i bivi.

 

Annunci

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑