Sanguignano direttissima

Finalmente. Dopo anni di osservazione. Riesco a salire a Sanguignano per via direttissima (e ne saprò anche ridiscendere quando più ne avrò voglia) senza dover per forza andare in valle Ardivestra (nel senso: in fondo, sulla strada principale) scendendo dalle ampie curve della strada serpeggia sulla collina. Questo risultato è un piccolo tesoro fatto di esplorazioni senza mappa nei dintorni del Monte Calcinera.

Agosto scorso, scendendo da una china mai presa prima, mi sono accorto di essere su una piccola collinetta bionda che sta a metà tra i Cerreti e, appunto Sanguignano. A un certo punto della mia corsa, ho visto spuntare persone che partecipavano a una gara (deve essere quella di 25 km che parte dal Giarone, a San Zaccaria). Arrivavano su da una china che non avevo mai visto. Ma purtroppo non avevo più tempo per esplorarla, dovendo tornare a casa.

http://mapio.net/s/49076640/
San Zaccaria (fonte: http://mapio.net/s/49076640/)

Domenica invece sono riuscito a scendere dalla strada dei Cerreti e imboccando una deviazione da quello Inferiore, ricollegarmi al sentiero da cui ho visto altri salire. Imboccato in discesa, quel sentiero mi ha portato all’inizio della risalita verso Sanguignano.

Da lì, sono salito a Poggio Rajone per un sentiero molto ripido (tempo di percorrenza per montanari 10 minuti, il segnavia lo dà a 30 minuti). Dall’alto si può vedere il crinale del Calcinera e i suoi boschi. Si scende su una sella,  spartiacque tra due valli anonime – non lontano dalla chiesa dei SS Cosma e Damiano – dove ho ascoltato il suono di moltissimi uccelli indisturbati e di varie specie, assumendo una posa informale di meditazione “in pè”. Lì, un paio di anni fa o tre, avevo incontrato una viandante (ne ho scritto qui, forse era il settembre 2015) e anch’io ai suoi occhi sarò parso un viandante. Lei era più tipo primo novecento (gonnellona, grembiule, un che di gitano nell’aspetto, fose anche zoccoli?), io più tipo sbandato (blue jeans da lavoro stracciati, camicia di jeans appena più chiara con chiazze di vernice, sicuramente scarpe da running dismesse). Un incontro impossibile, forse una porta spazio-temporale, il breve sguardo reciproco a dire tutta la diffidenza. Che ci fa lui qui? (per la serie: rivolgo all’esterno certe chatwinate che di solito rivolgo a me stesso).

Oggi niente viandantessa, solo due valli sonore e, poco più in là (verso Trebbiano, a Cascina Gabba) ho preso anche il tempo di osservare due placidi animali di un marrone rossiccio che brucavano in un campo verdissimo, mentre nel salire la china dal Cerreto un’altro mi era parso di un marone scurissimo, controsole com’era e anche in un campo di grano (da cui il biondo della collina).

Arrivato a località Croce di Trebbiano, girare deciso verso il Calcinera, scollinare e tornare a casa – nell’ultimo tratto da Cascina Gabba la strada ha pure un nome nobile: quello di “Anello del Re”.

Comunque la scoperta più bella è stata la strada direttissima per Sanguignano. Agognata da tanto tempo, ora nella cartina dell’Istituto Geografico Militare (1:25000) ho visto questo nuovo sentiero percorso e soprattutto l’ho aggiunto alla rete di sentieri già percorsi in zona. Mi sento il depositario di un sapere pratico. Il giro è stato percorso in 1 ora e 50 minuti (in movimento) per un totale di 12,6 km.

Annunci

Allenamento 5 agosto. Straneo.

Allenamento da ripresa. Misto corsa e camminata. Giù e su per le colline.

Nessuno split. Ho corso in discesa e dove la salita non era così dura. Poi ho fatto della camminata  veloce il mio mantra. Ho superato ostacoli. Finalmente!

Il più grande era le due settimane di fermo che mi pesavano sempre di più.

Sono capitato su un percorso di una gara – di cui non sapevo nulla – per cui i partecipanti dovevano fare 25 chilometri tra le colline. Mostri inarrivabili. Mentre passavo tra loro che corricchiavano per allenarsi ho sentito la cadenza delle mie terre d’origine mentre un trio, passando di fianco alla Pieve di S.Zaccaria, discettava sul termine “pieve”.  

Nonostante non fossi destinato a partecipare a quella gara, ero contento: per la presenza di un paio di centinaia di runners; perchè sono riuscito a capire come arrivare in valle passando tra i campi e i boschi; perchè avevo preso il meglio dell’allenamento decidendo di camminare dove ne sentivo il bisogno (l’ultima cosa di cui avevo necessità era forzare!). 

La campana di San Giovanni ha dato l’avvio, la campana di San Giovanni ha segnato la conclusione di questa semi-escursione / semi-allenamento che ci voleva. Dalle 8.00 alle 9.00. Ho preso anche qualche prugna da un albero che tendeva incauto i rami sul percorso.

Più tardi ho visto la Straneo arrivare ottava alla Maratona olimpica, una bella prestazione. Ho visto l’atleta etiope vincere con un rush finale come se avesse appena iniziato a correre e l’atleta russa resistere e cogliere un bronzo che vale quanto un oro, mentre “solo” una keniana su tre è arrivata al podio.  

 

Dati tecnici dell’allenamento in data 5 agosto

Chilometri:   10 chilometri

Tempo:        1h00′

Media al km: irrilevante

Ora di partenza: 8.00

Temperatura:      Accettabile (22°-23°C)

Umidità:              non percepibile

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑