Leadville Trail 100 Run

Se pubblico questo non è perché io lo voglia fare. Altrimenti, sarei pazzo. Sapevo dell’esistenza degli ultrarunner, ma la lettura di Born to Run (Chris McDougall), mi ha avvicinato al loro svitato mondo. Sebbene io non potrò mai correre così a lungo, posso capire cosa spinge questi esseri fuori di zucca. La loro testa… malata. Lo dico con il massimo rispetto, altrimenti non ne scriverei.

ken_chlouber

Quella della Leadville 100 è anche la storia di una cittadina privata della sua economia, dopo la chiusura di una miniera di molibdeno e come un personaggio (che ora campeggia sul sito della corsa) sia stato così matto da ricavare un turismo di nicchia molto particolare. Correre 160 chilometri partendo da 3000 metri slm e arrivano a 3800 richiede escursionisti esperti. I primi ormai percorrono la distanza in circa 15 ore. 4 maratone corse in montagna. Questa è la Leadville 100!

Spero che questo vi dia la giusta grinta per fare le vostre 10K e 20K, che poi sono anche le mie.

Allego mappa (del 2013) che ho trovato “su Internet”.

2013RunMap

 

 

Annunci

Dreams without goals remain dreams.

Between goals and achievement are discipline and consistency.

Tutto ciò che avete, usatelo, condividetelo. Ad esempio la passione per la corsa.

Ma che ne è dei miei obiettivi che danno struttura ai sogni di corsa?

Beh, presto a dirsi (meno a farsi).

Mio obiettivo a lungo termine è finire una maratona. E poi, piccolo dettaglio, sarebbe arrivare a staccare un tempo di 3h30′. Però! Ho fatto due conti (sulla carta da formaggio, eh?) e sono impallidito.

Per raggiungere un obiettivo così significa correre a una media di 4’58” a chilometro per 42,195 chilometri. Giusto?

Utilizzando una proporzione ricavata da non so più quale sito – che dichiara Tempo Maratona =(Tempo Mezza) * 2,2 – significherebbe correre una mezza maratona in 1h35’30”, cioè correrla a 4’31” a chilometro.

KeepCalmFranz

Contando che il mio tempo migliore sulla mezza maratona è di 1h42’26”, direi che c’è da lavorare. Ah, dimenticavo: il mio tempo migliore è ormai vecchio di due anni. Il mio “tempo migliore” attuale è un 13K corso in 1h9’50”, a 5’23” a chilometro.

Quindi, i sogni rimangono là nel noumeno, mentre gli obiettivi devono essere ristrutturati, proprio come si fa con il debito greco, proprio come si fa con una casa. E quindi dovrò prima di tutto concludere una Mezza, vedere come sono messo (magari tornare sul PB di due anni fa). Poi scendere sotto 1h40′. Dopodiché, puntare alla famosa mezza a 4’31” a chilometro. C’è da lavorare per un anno intero a questo primo obiettivo.

A proposito di casa: continuerò per il mese di agosto nel Cross Training con scatoloni, rulli (con e senza bastone), pennelli, scale, scale, scale, scale. Poi con settembre, potrò forse mettere la parola Inizio all’impresa.

Make It Count

“Action expresses priorities” (Gandhi)

aboveall-trysomething

 

Questo ragazzo è d’oro. Io non sono molto di lui. Nulla di più di quello che ha pubblicato sul suo canale youtube. Che è già molto per la verità ed è così tanto che ovviamente non ho visto tutto.

Ma certe volte capiti su alcuni video – come questo del giro del mondo in 10 giorni ad esempio, che sono pieni di energia, di vita, di opportunità. Che mi fanno sorridere e spingono il tiranno oscuro e reazionario (la mia mente pronta a costruirsi alibi e scenari negativi) a considerare che la vita è bella e vale la pena di essere vissuta. A pieno. Senza perdere un grammo di essa.

Supermotivational

 

2015-07-13 17.17.12

Questo breve video racconta la storia di Alex Zanardi dal suo punto di vista. Mi fa sempre venire i brividi, per la calma determinazione del protagonista che non si è mai arreso nemmeno davanti al fatto più sconvolgente della sua carriera di automobilista. Come dice la didascalia del video: Alex (il Grande Ottimista, come chiama se stesso nel video) ha perso le gambe, ma non l’attitudine.

Da guardare, per vedere oltre i propri limiti.

Una produzione StereoScreen, Novembre 2014, parte di “Adrenalin – the BMW Touring Car Story”.

 

 

 

Fortemente Off Topic /20 Serve gente affamata.

♬ motivational ♬

“Il più di questi laureati di Harvard non valgono un cazzo. Serve gente povera, furba e affamata. Senza sentimenti. A volte vinci, a volte perdi ma continui a combattere.

E se vuoi un amico, prendi un cane. Questa è una guerra di trincea.”

Questo discorso vale anche nella vita in genere: è una guerra di trincea, devi farti valere per vincere come se fossi affamato. Lo affermava anche Marcello Lippi, no? 😉

SportMotivazione

Anche se non concordo sul “senza sentimenti”, perché io ne sono pieno. Eppure so che i sentimenti sono quelle cose su cui rischi di girare dei film nella tua testa (come dice Paola Fantini) e rimanere male quando la realtà poi è diversa e ti presenta il conto (quale che esso sia).

Quindi: focalizzati su ciò che vuoi fare. Stai concentrato sulle tue potenzialità. E combatti. Combatti come se ne andasse della tua vita (perché lo fa).

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑