Varzey Road (the road to Monsuma)

“Quando paramucho mi amore de felice carathon
Mundo paparazzi mi amore cicce verdi parasol
Questo abrigado tantamucho que canite carousel” (Sun King, Beatles)

A piedi, quattro passi per Varzi e la città è nelle tue tasche. Intorno, una miriade di colline e monti da esplorare. Ad esempio il Monte Monsuma, che era l’ultima vetta nei dintorni che non avevo ancora saggiato con le mie camminate. Piano a chiamarlo “piccoletto” (infatti sta intorno ai 500 metri s.l.m.) perchè la sua caratteristica maggiore è quella di offrire il fianco alla statale giù da basso per almeno mezzo chilometro. E di  offrire paesaggi molto interessanti.

Dal Monte Monsuma si vedono bene Cecima, Serra del Monte e il benzinaio sulla ex SS461 come se fossero le stelle allineate  della cintura di Orione. Se ne può percorrere la cresta (immersa nel bosco) e non ti stancheresti mai a vedere il panorama che cambia. Dall’altro lato della cresta si vede il Calcinera, vero big del quadrante con i suoi quasi 700 metri, il borgo di Piumesana (su google c’è scritto “Fraizone Pimuesana” ma tant’è), Ponte Nizza in basso e S.Alberto di Buttrio in alto, sull’altro versante della Val di Nizza.

VarziRoad - fabfour
Varzey Road

 

Io e Bobo abbiamo percorso un anello di 8 chilometri, ma a questo riguardo dobbiamo fare un appunto a chi mette la segnaletica dei sentieri: non si possono mettere i cartelli solo sulla strada e poi abbandonare il viandante alla scelta già al primo bivio (abbiamo preso il sentiero verso il Monsuma da San Giovanni). Mettete cartelli e segnali bianchi e rossi anche più avanti sulla strada… altrimenti la gente poi perde la retta via. Risultato: una passeggiata che poteva essere di 5 diventa di 8 chilometri, con su e giù verticali su strade appositamente preparate per il motocross, con traversamenti di bosco ancor più verticali per rimettersi sulla retta via (grazie a google e alla geolocalizzazione, altrimenti saremmo ancora là intorno). Noi ci siamo divertiti per carità, ma penso a tutte le categorie di persone che potrebbero avere problemi, la volta successiva, a decidere di fare una passeggiata per la paura di perdersi e trovarsi in ambasce.

Perdersi ha avuto i suoi vantaggi: abbiamo percorso una valletta con un letto di torrente (ormai secco, ma mi viene la curiosità di vedere se qualche volta si riempie) e con vegetazione molto diversa da quella più in alto, quasi da palude o da piccolo lago (detto nella mia beata ignoranza botanica). Probabilmente quel letto ogni tanto porta anche acqua. E poi siamo arrivati alla statale molto più in fretta che seguendo la strada asfaltata.

Nota sulla foto: durante la passeggiata a Varzi insieme alla mia tribù (in tutti si era in tredici), trovo questa casa azzurro petrolio – è quella più  meno a metà foto, dietro – che voglio riprendere per via del colore. Mi trovo sul telefono una scenografia perfetta per riprodurre la miliardesima copia della copertina dell’album “Abbey Road” dove ci sono i Beatles che traversano la strada. Alla fine, la tribù tradisce (eravamo in tredici, si sa…) e decido per un fotomontaggio con gli originali.

 

 

Annunci

What your verse will be?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

Just another weight loss story

Just another weight loss story

We Who Run

Anything and everything to do with running.

Silenzio Fotografico

Fotografie che fanno rumore, in silenzio.

Insurgent art.

Stimoli e idee per un nuovo mondo.

O' Canada

Reflections on Canadian Culture From Below the Border

Il mio giornale di bordo

Il Vincitore è l'uomo che non ha rinunciato ai propri sogni.

scattered words

scribbles by Hemendra Dibaakor

Frank Solanki

If you want to be a hero well just follow me

RUDI

pensierini sull'Inter, la Sinistra, Bologna, musica, cinema, viaggi e letteratura

[ di Antonio Prenna ]

"Questa penombra è lenta e non fa male; scorre per un mite pendio e assomiglia all'eterno"

Racconti ondivaghi che alla fine parlano sempre di amore

“Ships are safe in a harbour, but that’s not what ships are made for”

A GRAN CARRIERA

Il Blog di Mario Piccoli

dario torromeo

Pugilato e altre storie, approfondimenti e notizie (Boxing and other stories, insights and news)

SportHistoria

La storia dello sport, dalle origini ad oggi, come non l'avete mai conosciuta

wwayne

Just another WordPress.com site

Leggo di corsa

Storie di corsa e altro materiale. Ho un sogno: correre un giorno nel Central Park.

EnricaOrlando

Parole, idee e caramelle.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: