Semel in anno licet insanire

(Auguri a Francesco! Lui sa perchè…)

Semel in anno… Pianifico un’uscita di 30K, collinare. Andata 15 chilometri e ritorno 15 chilometri. Quanto di più semplice, no? Corri, ti sbatti, arrivi a un punto e poi ti volti e torni indietro. No? Pianifico è una parola grossa, perchè è giusto un occhio buttato al foglio IGM n°71, due minuti e ho deciso.

Ma sbaglio a guardare la mappa 1:25000. Sbaglio di grosso, intendo. Quel tipo di errore che sottende una sottovalutazione del percorso a dir poco intenzionale. Come a dire: oggi devo scappare, devo andare più lontano possibile da me stesso. Per cui, diventa tutto piccolo (anche le notti là in America…). E il percorso, insosenibilmente lungo.

In tal modo sottovaluto che lo spostamento in Val Curone è di 4 chilometri (circa parallelo alla valle Staffora), prima di attaccare la salita per tornare di là, verso casa. Quando arrivo a Momperone, chiedo a un capannello di persone dove devo  prendere per Zebedassi e una tipa sgrana gli  occhi e mi fa: – “Ma che autonomia hai?” Gira male, penso. Ma comunque faccio il gradasso e dico: – “No, ma tranquilla, arrivo da sopra Godiasco, non c’è problema”. Col cavolo. Inizio a preoccuparmi, però dico,  sicuramente non corre,  non sa. E invece quello che non sa sono io (è la prima volta che da Colletta scendo a Momperone).

In più mi incaponisco a passare per Zebedassi che diventa un congiuntivo, dopo che ci sei salito dalla Val Curone. Infatti presa Torrino, dopo S.Vittore arrivando da Momperone, significa una salitozza dura dura che mi taglia le gambe. Arriva in alto a Ca’ del Bruno alla Costa delle Forche (se non ho letto male) per poi scendere su San Lorenzo.

Totale, dopo 22K desisto – o picchio De Sisti – e faccio 6K camminando prima di decidermi a telefonare. Infatti non riesco a capacitarmi che mi trovo a ben 12K da casa. E la fatica e la mancanza di risorse si fa sentire. Mi guardo sperso, il panorama così conosciuto mi pare portato in un’altra dimensione. Continuo a ripetere: “Che ci faccio qui?”

Finisce con l’aiuto da casa. Una volta all’anno, finisce sempre che lo devo usare.

ken_chlouber

 

— per chi volesse approfondire, qui la pagina della zona Volpedo – Serra del Monte

Annunci

One thought on “Semel in anno licet insanire

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...