Las entrañas del Forlanòn

forlanon

Stamattina era la mattina del lungo, tanto atteso e rimandato di una settimana. Lungo a toccare la distanza della mezza. E c’erano pure -3°C…
E proprio stamattina non mi risolvevo a decidere che percorso fare, perchè un po’ ero attratto da tornare a est di Paperino ma d’altra parte mi scocciava non passare dal percorso che più mi dà soddisfazione (e nutrie) attualmente:
– Linate paese, con il barista gentile che mi salvò in un giorno di giugno con un bicchiere d’acqua (non sono più passato a bermi una birra, però)
– il Ponte Viola che viola non è più per poi inanellare Parco Forlanini (alla svelta e di sbieco), aeroporto e Idroscalo…

Solo che facendo questo percorso per poi allungare a Malaspina Besozza e Pestazza (e magari Castello) temevo che risultasse troppo – anche se più o meno, a fare mente, locale si sarebbe potuto fare poiché il chilometraggio c’era.

Ma cosa avrei fatto se la benzina fosse finita? Mi scoccia tornare a piedi, quando non riesco più a correre.

Come al solito, quando si è bloccati l’importante è iniziare a fare che poi la soluzione viene da sé, magari tramite un’intuizione, come è successo stamattina.

Quindi mi sono avviato e ho salutato il fetido incedere del Lambro (particolarmente acre today) e poi via via le nutrie, alcune nascoste tra i rovi, e poi gli splendidi uccelli bianchi, sempre due, e le loro compagne grigie. Almeno così penso che sia la faccenda, qualche ornitologo mi aiuti. Uno di questi “aironoidi” mentre passavo traversava un canale di fianco con aria furtiva come per sfuggire al malefico predatore nero-vestito. Da S.Ambrogio, chiesetta di Linate, il percorso sale un po’, diventa un po’ più faticoso, forse c’è una piccola salita, ma è impercettibile: non te ne accorgi e inizi a fare fatica e pensi di essere tu a non farcela più.

In altri tre chilometri, un po’ desolati devo dire, si arriva al ponte viola che unisce l’Aviazione al Parco Forlanini. Si passa dietro gli hangar dei voli privati – Linate Prime o quel che è – con il portato di NCC, gioielli Tiffany, aperitivi in qualche luogo esclusivo e quant’altro. Ma a quell’ora c’è poco movimento. Dall’altro lato della strada invece movimento ce n’è: i lavori di messa in sesto degli argini del Lambro intanto procedono e fanno intravedere una specie di quella che io definirei “balza”, circa a metà dell’argine, dove ci starebbe bene una ciclopedonale. A parte la puzza del Lambro stesso in certi giorni, sarebbe bello poter sfruttare un percorso “nella natura”.

Mentre correvo, il panorama cambiava (lo fa sempre drammaticamente) e le nutrie che sotto Linate paese sono vive e vegete, qui le trovi morte. Il ritmo quello no, sempre fisso sotto i 5’/k, tanto che mi sono detto: qui rovino l’allenamento, come faccio ad arrivare a 21K?

L’illuminazione è arrivata sul Ponte Viola, quando toccavo i 6,5 chilometri. Mi sono chiesto: ma qui al Forlanini non corro mai veramente, ci passo solo di lato… Un po’ mi dispiace, questa cosa. E prima che finisse il ponte (e un bel ponte di circa 200 metri, vero GPM del percorso con culmine sopra il viale Forlanini) ecco che avevo deciso: scaverò nelle budella del parco un percorso soddisfacente. A conti fatti avrei dovuto fare più o meno 8K all’interno del parco. Mi è venuta in mente una canzone degli Inti-Illimani (eh già!) che a un certo punto fa:

“Un día el cobre se alzará
y en las entrañas del carbón
temblará el grito contenido de la tierra.
¡Para el traidor no habrá perdón!”

(Canto a los caìdos)

Per il traditore non ci sarà perdono, e questa cosa l’ho un po’ legata a una notiziuola che mi fa ribrezzo (mi fa muovere le budella): si torna a parlare di intitolare una via (o un luogo toponomastico, insomma) di Milano a un uomo politico che ha profondamente diviso l’opinione pubblica: Bettino Craxi. Io sto tra quelli che mai e poi mai vorrebbero una via intitolata a questo uomo politico morto e sepolto ad Hammamet. Cioè, in fuga, soprattutto dai suoi misfatti. Mi dispiace, ma proprio mi si rivolta lo stomaco. So anche che quando un sindaco (il simpatico e disponibile Beppe Sala, che non guarda mai alò profitto ma solo all’onorabilità del suo operato…) tira fuori l’argomento, vuol dire che ha convenienza a farlo, per ottenere qualche appoggio in più. Io, fortunatamente, posso permettermi il lusso di avere schifo di ‘sta roba.

Insomma, mi si rivoltavano las entrañas anche mentre correvo. E mentre pensavo a questo, intanto io stavo rivoltando ben bene tutti i passaggi nel Parco, arrivando anche ad abbracciare il centro Saini per poi ripiegare sul parco, sul laghetto ghiacciato, sui viali interni sempre placidi e dominghi (anche se oggi era sabato). Il sole giocava con gli alberi e ho visto erba verde lucente e smeralda sotto i pini ad un certo punto, talmente bella che volevo fermarmi. Ma dovevo continuare, i 21.1 aspettavano il mio ritorno. E così non mi sono fermato.

La cosa incredibile oggi è stato di nuovo andare fuori dalla comfort zone, finendo i 12K in 58’15” (quasi un minuto in meno di domenica scorsa sui 14K) con un tempo molto veloce (per me) e poi continuando a lottare con chilometri (dal 13 al 19) sui 5’00″/km per lasciare qualcosa al 20° (5’10”) e 21° (5’20”).

Ma grande sodddisfazione, questo percorso, lo chiamerò “vado a correre al Forlanini” anche se per arrivarci, al Forlanini, in A/R ho da fare 13K. In ogni caso, ne vale la pena e poi si può modulare la distanza che si vuole.

Ora so anche un’altra cosa: mi sa che a ‘sto giro abbattere il muro della 1h40’ il 19 marzo sarà difficile (mai dire mai però), ma potrei benissimo abbassare il mio PB. il muro si trova a 4’9″, mentre il PB (fatto a marzo 2013) sta a 1’42”. Fattibile, che dite? Comunque il mio obiettivo è fare 1h39’59”. Tiè!

 

Annunci

4 thoughts on “Las entrañas del Forlanòn

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...