“Mi distanzierà”, ho pensato.

Che dolcezza la luce serale del tramonto di una giornata limpida con nuvole bianche e gonfie, dopo una notte di pioggia che rinfresca l’aria e rende respirabile l’aria impregnata di kerosene dei dintorni dell’aeroporto di  Linate.

Sono riuscito a fare un buon allenamento a ritmi abbastanza serrati. Era esattamente quello che avevo deciso di non fare. Praticamente l’obiettivo era andare a leggere l’orario di chiusura dell’Idroscalo dal cartello dell’ingresso sud. Una volta acquisito il dato (ore 21) mi sono spinto fino all’Isola dei Fiori, ho attraversato il ponte nord, mi sono infilato in un cul-de-sac (sapendo che era tale) e sono tornato indietro.

photo-editor-fsa22
Senza titolo, è probabile faccia parte della serie di foto scattate a Eatonton, Georgia Walker Evans, marzo 1936

Imboccando il ponte nord dell’Isola (amo il rumore di quel tipo di ponti, con le assi di legno), mi ha preceduto una runner. Mentalmente mi sono detto subito che dovevo stare tranquillo, limitandomi a seguire il suo ritmo, che era già abbastanza veloce (penso fosse appena sotto i 5). Appena sull’Isola ho preso per la salitella dei monumento ai caduti, per provare a distrarmi e non vedere la runner come obiettivo da superare. “Mi distanzierà”, ho pensato. Almeno abbastanza perché io perda il contatto. E invece quando sono sceso era ancora lì a 4 o 5 metri da me.

Ho iniziato a viaggiare più veloce, l’ho superata sul ponte sud e sono andato a 4’40” fino a che ho imboccato l’uscita del parco. Per tutto il tratto mi sono dato, da vero milanese, del pirla. Pirla qui, pirla là, perché l’hai superata?, devi stare più calmo! Non ce n’è. Quando vedo qualcuno che va più o meno alla mia velocità, lo devo superare. Ogni uscita è l’ingresso da qualche altra parte. E così sono entrato negli ultimi 3K di allenamento, indeciso se fermarmi a riflettere o continuare a tirare un po’. Così, il famoso allenamento del giovedì che doveva essere tranquillo, si è trasformato in uno veloce. Dopo il primo K a quasi 6′, i restanti 8.1 li ho fatti in 39’40”.

Annunci

10 risposte a "“Mi distanzierà”, ho pensato."

Add yours

What your verse will be?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

The History of Parliament

Blogging on parliament, politics and people, from the History of Parliament

BieFfe Stories

Lasciati scrivere da un tratto di penna, come nel migliore dei romanzi

American Intelligence Media

Citizens Addicted to Truth

Chaotic Shapes

Art and Lifestyle by Brandon Knoll

Podologia e Biomeccanica

Sport, biomeccanica e podologia generale

almerighi

amArgine come sempre

mezzaginestra

Cultura? Pop e piano, sir.

EPOCHE' (fotoblog di francesco)

"Io non dischiudo nè nascondo ma al contrario faccio vedere" (Eraclito)

Creando Idee

Idee e articoli per rendere meravigliosa la casa

Ilmondodelleparole

Una parola è un respiro

Pensieri spelacchiati

Un piccolo giro nel mio mondo spelacchiato.

We Who Run

for the love of running and fitness

Silenzio Fotografico

Fotografie che fanno rumore, in silenzio.

Insurgent art.

Stimoli e idee per un nuovo mondo.

O' Canada

Reflections on Canadian Culture From Below the Border

Riccardo Fracassi

Non solo Fotografia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: