Fortemente Off Topic /30 – Multifaceting ovvero Crisiderivadalgrecocrinochesignificadiscerno

Sto imparando a integrare la mia parte creativa nella vita di tutti i giorni. Non è un percorso semplice. Per varie ragioni (soprattutto socio-economiche, traduzione “purtaa a ca’ la lira“) nella routine lavorativa quotidiana la parte creativa è poco rappresentata. Non ho mai dato troppo ascolto alle pulsioni creative quando si è trattato di inserirle nel contesto del lavoro. Nonostante l’assenza di creatività, i miei crediti professionali sono cresciuti. Piano piano ho iniziato a pensare che la parte creativa fosse qualcosa da nascondere e da evitare.

Più essa spingeva per uscire allo scoperto, più diventava un problema da gestire. Fino a che la creatività non sfruttata non mi ha fatto sentire fuori posto (sia che cercassi di assecondarla sia che cercassi di nasconderla). Questo mi ha messo in crisi – come diceva il prof di religione al ginnasio “crisiderivadalgrecocrinochesignificadiscerno” – e questa crisi ha avuto il suo sbocco in una fase di acuta apatia e disorientamento. Anche se in questi ultimi anni ho cercato di trovare i miei strumenti di espressione creativa al di fuori dell’ambito lavorativo, è solamente quando la crisi ha avuto una fase drammatica che sono riuscito a capire il bisogno profondo di integrazione tra le varie parti della mia persona.

Solo poco tempo fa – davvero poco tempo rispetto agli anni che sono passati – ho scoperto che è connaturato nell’essere umano avere da 1 a n facce, con n variabile. Il caso umano “1 faccia” è una rarità. Sarebbe il caso in cui uno riesce a centrare esattamente la sua vita intorno a un nucleo di attività che si integrano perfettamente. Non esiste, è un caso teorico. Ma è l’obiettivo a cui tutti dobbiamo tendere.
Da un altro punto di vista, ci vuole energia, grinta, determinazione per tenere insieme tutte le facce. Chiamo questo processo “multifaceting“. Mi piace il suono che fa e il riferimento intrinseco alle sfaccettature di un diamante. Ignoro se esista di già un termine diverso per questa cosa e comunque “il googlar m’è arido con questo lemma”.
big jim
Nel mio caso pratico, io ho due facce. Non vi preoccupate: non faccio il voltafaccia e nemmeno sono un Giano Bifronte. Piuttosto mi sembra di essere come quei Big Jim su cui si potevano montare facce diverse, una con la barba, una senza et coetera. Qualcuno deve aver perso il posto di lavoro con quell’idea di prodotto, perché non ho più visto quel tipo di Ken in giro (è anche vero che ho smesso da tempo di giocare con le bambole o i bamboli…).
Big Jim a parte, stavo dicendovi che ho due facce: quella professionale e quella creativa. Bloccare le espressioni della faccia creativa è dannoso, perché riduce il mio potenziale umano. Questa cosa l’ho sentita sulla mia pelle. Quando ho libero accesso alla parte creativa, invece, sento di moltiplicare le mie facoltà. Percepisco quei famosi picchi himalayani di consapevolezza.
Quando permetto al mio lato creativo di esprimersi trovo anche più riscontro, sia tra le persone che mi conoscono che tra quelle che non mi conoscono. Anzi, le persone in quest’ultima categoria hanno la possibilità di approcciarmi dal lato più espressivo; quelle della prima, di ricordarsi come ero una volta.
Il multifaceting ha delle caratteristiche positive: se per caso non sto facendo progressi sul fronte professionale, posso sempre focalizzarmi sulla faccia creativa per ritrovare ispirazione. Se uso la mia creatività e la alleno, essa potrebbe piano piano espandersi verso la parte professionale. Mi piacerebbe tanto che la creatività avesse a che fare con la mia professione. Questo non significherà necessariamente cambiare ambito di lavoro. Significa portare la creatività nella mia vita professionale laddove essa si svolge.
Nel futuro dovrò fare in modo di metter in pratica la creatività facendo leva sulle mie capacità acquisite e tendere a quella unica faccia integrata o a un multifaceting efficiente. Verrei ripagato da sensazioni di benessere che il Badedas non dà.

 

Annunci

4 thoughts on “Fortemente Off Topic /30 – Multifaceting ovvero Crisiderivadalgrecocrinochesignificadiscerno

  1. Non è facile, ma spero che quello che intendi per creatività sia il più vicino possibile a quello che fai e ti tenga lontano dalla doppia vita del lavoratore di giorno e scrivano di notte 😉

    Mi piace

  2. Pingback: Uno sguardo indietro (4 lunghi anni) | Franz is running

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...