Allenamento 7 Luglio. Da A a B e ritorno. Valle Staffora.

Sabato 7 Luglio.

Temperatura perfetta, ci saranno 28° C alla partenza, grazie alla frescura della notte e a qualche nuvola mattutina. Umidità ottimale, molto bassa.. Mi trovo, sbalordito, ad aspettare che scattino le 11.55 sul mio cellulare. L’orario mi lascia sbalordito perchè proprio non immaginavo di decidere di correre nonostante l’ora centrale di una giornata di sole in Luglio.

Eppure, sono qui. So – perché me lo ricordo a grandi linee – cosa mi aspetta nella prossima ora abbondante di corsa ma i ricordi della prima volta su questo tracciato saranno a tratti fuorvianti. Nell’andata, mi spavento per la presenza di troppe discese, che al ritorno si riveleranno salite molto dolci. Arrivo al punto di inversione con un tempo di 32 minuti e 30 secondi che è buono rispetto ai 36 minuti registrati in fine aprile in una giornata nuovolosa e a tratti di pioggia. Io corro bene sotto la pioggia, ma ora ho due mesi di allenamento in più sulle spalle!

Il percorso segue il torrente Staffora per 6,5 chilometri partendo dal ponte di Godiasco per arrivare a quello che sta al bivio per Cecima. Intorno si elevano le colline che in duplice ala, virando dolci verso est, arrivano fino a Varzi per lanciarsi in un tripudio di monti e passi (Penice, Brallo e altri) che stanno al confine tra Lombardia Piemonte e Liguria. Sebbene quest’ultima sia un poco più a Sud, della Liguria si respira un’intuizione, una rima fatta di gioghi e bel tempo.

La striscia di strada asfaltata tocca i seguenti borghi: Godiasco, Osteria Nuova, Biagasco, Campopiano, Cecima. Vi si alternano campi coltivati – di un bellisimo biondo oro prossimo alla mietitura – e lingue di bosco che scendono dalle colline circostanti. A Osteria Nuova si prende a sinistra, lasciando la strada che si inerpica verso San Lorenzo, sede comunale, su per la collina e verso il castello di Pozzol Groppo (vedi foto). Questo è un ottimo punto di osservazione su Valle Staffora, Val Curone e dintorni, da cui si guarda verso Volpedo, terra di pesche e patria di Giuseppe Pellizza.

 Il percorso è tutto su asfalto ma è poco trafficato – solo traffico locale – in quanto la quasi totalità degli automezzi si trova sulla Statale 461 che si trova a circa mezzo chilometro aldilà del letto torrentizio con i suoi alberi. Data l’ora, si avverte la presenza di gitanti muniti di griglia, famelici e inquieti intorno alla carbonella, ma non li vedo, avverto solo l’odore del fumo di brace e carne.

Il tracciato risulta ondulato, sul declivio sinistro del torrente Staffora, già con marcata caratteristica collinare e prevede la discesa e risalita nei valloncelli creati da piccoli corsi d’acqua e dalla costa del monte su cui si corre. L’alternarsi di salite (alcune impegnative) e discese dà origine a un tracciato che si può affrontare riuscendo ogni tanto a prendere fiato, ma che nel contempo offre la possibilità di allenarsi in maniera intensa. Sul percorso mi salvano alcuni tratti all’ombra (grazie alberi!) e alcuni tratti in cui il sole viene coperto dalle nuvole (grazie nubi!). Il tasso di umidità basso mi permette di non fermarmi dopo un solo chilometro o anche meno. La prestazione alla fine è convincente: 32 minuti e 30 secondi all’andata, 32 minuti al ritorno. Rispetto alla prima volta in cui ho corso su questo tracciato sono 3,5 minuti in meno all’andata e 1 minuto in meno al ritorno.

Nell’ultimo tratto sconto l’eccessivo calore della giornata e l’assenza di nubi, che si sono frattanto dileguate intorno al quarto all’una. Il 70% del percorso sono stato esposto al sole. Sono circa 5’00”/km tenuti all’andata e poco meno al ritorno. Visto il percorso impegnativo, posso ritenermi soddisfatto anche e soprattutto perchè mercoledì avevo la netta sensazione di poter correre solo una 5K in settembre.

Dati tecnici dell’allenamento del 7 Luglio

Chilometri:   13 chilometri

Tempo:        64’30”

Media al km: 4’58”

Ora di partenza: 11.55 del mattino.

Temperatura:      Calda (28°) ma accettabile

Umidità:               Accettabile

Annunci

3 thoughts on “Allenamento 7 Luglio. Da A a B e ritorno. Valle Staffora.

  1. Pingback: Allenamento 11 Agosto. La mia grande classica. | Franz is running

  2. Pingback: Allenamento del 14 Ottobre. La mente mente. « Franz is running

  3. Pingback: Badedas | Franz is running

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...